Roma crede nei giovani calabresi

Roma – La democrazia parte alla riscossa della locride che deve trovare finalmente la sua maestà illustre che sono i cittadini del territorio che è di tutti basta quindi con il demonio del crimine si abbandoni la ignoranza della paura che porta la terra anche calabrese in ginocchio che allontana Roma dando essa responsabilità di tutto ecco necessario educare alla osservanza della costituzione nella società anche calabrese che rifiuta l’aggettivo di mafioso che collabora per ristabilire un nuovo corso politico che educhi alla legge che porta anche gli amministratori che hanno in essa l’osservanza l’agire applicazione con chiarezza che accompagna anche in terra di Locride che Roma vede italiana che accompagna la gente che onestamente cerca di vivere in il sogno di unita nazionale che porta ad essere messo in ombra dalla paura che allontana i giovani dalla società italiana europea che chiedo a voce viva la democrazia ascolto fiducia che viene solo dalla investire risorse che in calabria immaginiamo esistono

ex Consigliere Comunale di Agnana Calabra città metropolitana di Reggio Calabria

Piscioneri