Calabria diventi buona cucina politica

Un fatto che sembra evidente che la politica regionale sta cucinando un piatto cotto e ricotto dal sapore anti romano che vede la mafia dei uffici pubblici che i cittadini che nella Locride vecchia che non sa cambiare le cose che fatica ad trovare una ricetta nuova dal sapore nuovo come quella di fare proposta nuove come gli chef trovare un cantiere un locale comune ideale che metta fine alla lotte contro il primo e vero male che è ignoranza ingrediente che distingue questa zona di Locride  calabra che i sindaci di lista vuote di ingredienti gusti che solo la stessa idea di mettere in campo un fritto nuovo che sappia piacere alla democrazia alla egente onesta che paga tutti i giorni l’assenza di politiche di idee cucina della politica anche regionale che solo una coalizione di intenti coraggiosi che abbia al centro la soluzione di problemi antiche ricette che solo i cuochi cioè politici potranno risolvere in Calabria dando olio ed forza un nuovo sogno gustoso riorganizzando la cucina politica ed anche gli ingredienti che solo alla base della politica civile ed vitale del lievito liberale e democratico delle periferie di metropolitana alta locride che solo dimenticando e presentando piani e convintamente possiamo abbattere le paure e gli ignoranti e forze anti legalità che in cantiere o cucina macchiamo la terra di prodotti meravigliosi come quella calabrese italiana da chef politici che sono da sostenere per il bene della stessa collettività nazionale ricordando alla politica calabrese che Roma aspetta la collaborazione di tutti per una politica nuova idealmente unitaria e sovrana ed liberà delle paure che ricorda e risolava i problemi della Calabria come quella della sanità e trasporti.

Se votavo votavo?